Le Radici del vino

Le Radici del vino

La Fiera Viticoltura d'Eccellenza, di cui dal 11 al 13 ottobre 2019 è in programma la sesta edizione, vuole ospitare i diversi produttori di macchine ed attrezzature per la viticoltura e il vigneto al fine di essere un appuntamento con le tecnologie e le tecniche più avanzate.

Le Radici del Vino è il marchio di territorio di cui il Comune di San Giorgio della Richinvelda si è dotato a partire dal 2003 e dal 2014 ha associato a questo marchio un logo bene riconoscibile.
L'intento è quello di valorizzare la più grande peculiarità di questo territorio ovvero la coltura della barbatella.

La barbatella è il nome che viene dato alla piantina di vite nel suo primo anno di vita. La barbatella nasce tra l'innesto a tavolo tra una gemma di vite europea e la vite selvatica di origine americana.
Questo innesto ha salvato la vite europea e tutte le varietà  che ora conosciamo in quanto, a partire dal 1856, in Europa si è diffusa la fillossera, macroparassita di origine americana, in grado di distruggere l'apparato radicale della vite europea. Solamente l'ingegnoso innesto tra vite la vite europea e quella americana ha potuto salvare l'enorme patrimonio viticolo mondiale.  In questo Comune, e in particolare nella frazione di Rauscedo, ogni anno vengono innestate 100 milioni di nuove piante pari al 75% della produzione nazionale e al 20% di quella mondiale. Le barbatelle prodotte a Rauscedo vengono esportate in oltre 40 Paesi nel mondo e ne fanno di fatto la capitale mondiale della viticoltura e a pieno titolo il luogo in cui il vino ha le sue radici. ​

Immagini